E’ terminato domenica 1 luglio il campionato Under 15/Under 14 di cui andiamo a stilare, con colpevole ritardo, un bilancio finale.

Come rammenteranno i nostri lettori più attenti due sono state le formazioni schierate quest’anno dalla nostra società, una Under 15 vera e propria e una in deroga o meglio una Under 14. Molto diverso il cammino delle due squadre pur se con un comune minimo denominatore, la cronica risicatezza del line-up: la maggior parte delle partite sono state giocate infatti schierando a roster soli 9-10 giocatori. Questo per vari motivi: infortuni, impegni sportivi ravvicinati e concomitanti, impegni scolastici, insomma tante ragioni che tuttavia non hanno impedito di portare a termine la stagione, con un bilancio più che positivo per la Under 14, meno per la Under 15.

Cominciamo con la Under 14 che con un ruolino di 9 vittorie e 2 sconfitte (una partita, il secondo derby con la Virtus Ozzano, rinviata per pioggia non è stata recuperata) ha chiuso al primo posto il girone. Dopo le iniziali e facili vittorie contro Padule e Ozzano e la più ardua contro il Longbridge, di cui abbiamo già reso conto in un precedente comunicato, i nostri ragazzi hanno continuato la striscia vincente con altre 5 vittorie consecutive.

Prima con il Crocetta, battuto a domicilio per 11-4: vittoria senza discussioni, con i nostri incisivi in battuta e precisi in difesa, concedendo punti agli avversari solo nell’ultimo e ininfluente inning. A ruota un’altra larga e indiscutibile vittoria con l’Oltretorrente, un 13-2 che non lascia dubbi sull’andamento della partita. Poi una facile trasferta a Sesto Fiorentino (18-5) prima della partita agonisticamente più bella dell’anno, una vittoria per 10-8 contro il Longbridge dopo due inning supplementari e tre ore di gioco!!! Da segnalare il primo HR della stagione ad opera di Manny Monda!

A seguire un’altra bella e sofferta partita con il Crocetta, terminata 14-10, ma in bilico fino all’ultimo inning. La striscia positiva di 8 partite si è chiusa in maniera netta nella partita di ritorno con l’Oltretorrente, un inequivocabile 4-11 con i nostri lanciatori sommersi dalle battute poderose degli avversari. Dopo un’ennesima vittoria contro Sesto Fiorentino (11-5) la stagione si è chiusa a Parma nella terza partita contro il Crocetta. Partita equilibrata e risolta soltanto all’ultimo inning dai nostri avversari con un walk-off single per il 5-6 finale.

Decisamente meno positivo il bilancio della Under 15, non tanto dal punto di vista complessivo dato che, sul campo, il ruolino parla di 7 vittorie e 5 sconfitte, quanto dal punto di vista delle prestazioni, decisamente non soddisfacenti. La precisazione precedente “sul campo” trae origine dal fatto che, per i motivi indicati in premessa, è stato necessario schierare in quasi tutte le partite dei ragazzi “fuori quota”, nati nel 2002. Per questo motivo le partite giocate e vinte sul campo sono state poi omologate con una sconfitta a tavolino. Ma questo è un mero dettaglio.

I nostri ragazzi hanno facilmente avuto la meglio tre volte del Modena, due nettamente (27-1 e 15-6), una in maniera più sofferta (8-3). Altrettante le vittorie sugli Yankees S.Giovanni, sempre in maniera inequivocabile (15-1, 13-4, 22-0).

Contro invece le prime due squadre del girone, Fortitudo e Carpi, poche gioie. Contro i biancoblu gli Athletics hanno rimediato tre sconfitte, molto pesanti nel punteggio: 4-14, 1-22, 2-15. Tuttavia sia la prima che la terza partita hanno visto dilagare la Fortitudo a fronte di tanti errori, qualche volta anche banali, dei gialloverdi. Senza questi errori non è detto che avremmo vinto, visto il valore dell’avversario, ma le partite sarebbero state sicuramente in maggior equilibrio. Contro Carpi invece, dopo la prima sconfitta già raccontata in precedenza, una seconda molto più netta e con una prestazione davvero deficitaria sia in difesa che in attacco (6-12) mentre nell’ultima partita il risultato è stato nettamente a nostro favore, 12-4. In questa occasione è potuto di nuovo scendere in campo Riccardo Nepoti, miglior lanciatore della ultima edizione della Winter League, fermato da problemi di salute che gli hanno fatto saltare praticamente tutta la stagione. Sarà stato un caso che con il suo rientro, umano innanzitutto, ma soprattutto sportivo, l’andamento sia stato diverso? Ai posteri l’ardua sentenza.

Ora tempo di tornei estivi, prima del solito epilogo settembrino con la Coppa Emilia-Romagna.

Forza A’s!