Andamento lento

Non è un passo di danza, ma l’andamento dell’incedere in classifica della squadra bolognese, da tempo abbonata al pareggio esterno (e va anche bene così!). Considerando le condizioni atmosferiche in cui si è giocato a Cupra ci si può dichiarare comunque soddisfatti, soddisfatti di esserci arrivati, a Cupra (pullman in panne a Rimini Sud), di aver giocato tutte e due le partite, anche se sotto la pioggia e, la sera, nella nebbia, e non essere stati obbligati a dover recuperare l’indomani o addirittura il primo di agosto, soddisfatti del buon risultato perché un pareggio a Cupra non è da disprezzare, soddisfatti perchè nessuno si è fatto male. Le chances giallo.verdi restano così invariate, ma con una sconfitta in più. Note positive dal box sono arrivate da Ledesma (4 su 7 complessivo con due doppi) finalmente tornato ai livelli del 2008 e da Rumenos (3 su 7 con due doppi), a fasi alterne Mendez e Bagattini, difesa eccellente in gara uno e troppo distratta in gara due, ma va detto che entrambe le formazioni hanno fatto incetta di errori, complice il terreno viscido e la pioggia persistente.

GARA 1 : Nonostante il temporale che si è abbattuto sulla zona poche ore prima, il campo di gioco ha tenuto in modo eccellente e, con solo mezz’ora di ritardo, si può giocare. Partita giocata per sei inning sotto la pioggia. Athletics a ranghi ridotti per le assenze di Depau, Trentini e Natali. Duarte mette in campo la stessa formazione in entrambe le partite, con l’unica eccezione del turnover sul monte di lancio. Oramai scontata la partenza in gara uno per Gerbi che parte alla grandissima, chiudendo splendidamente quattro inning senza subire punti poi, senza preavviso, mette in fila una serie di ball infinita e deve essere sostituito. Per fortuna che, nel frattempo, i compagni del reparto d’attacco avevano messo 4 punti in attivo nello score. Al primo inning punto di Casadei (ottima prestazione difensiva) su giocata in scelta difesa su Mendez; al terzo gli Athletics vanno sul 3 a 0, doppio in apertura di Rumenos, errore su Mendez, poi la valida di Bagattini. Al quinto Bologna allunga e va sul 4 a 0 con doppio ancora di Rumenos sospinto a casa da un altro doppio messo a segno da Ledesma. Poi il blackout di Gerbi e Cupra che segna tre punti a basi piene con basi gratis concesse dal pitcher bolognese che viene avvicendato da Bucchi che chiude l’inning con una giocata delle sue, pizzicando fuori base il corridore in terza base, preso in ballerina a casa base. Bologna mantiene l’esiguo vantaggio fino al nono attacco in cui segna il punto sicurezza con Casadei mandato a casa dalla volata di sacrificio di Mendez. Finisce 5 a 3 per gli Athletics.

GARA 2 : Siccome non ci si voleva far mancare niente, pochi minuti prima dell’inizio della partita ricomincia a piovere, ma c’è una novità, la nebbia! Si gioca ugualmente. La squadra di casa appare più determinata e va subito in vantaggio 4 a 0 sul malcapitato Roncarati, ancora non al meglio, che rivive l’incubo di Macerata, in 0.0 inning lanciati, 5 battitori affrontati, 3 basi concesse e 2 valide, quattro punti subiti. Entra Poppi che chiude con una eliminazione in scelta difesa ed un doppio gioco sulla via 4-6-5. Gli Athletics non pungono, per la loro prima valida bisogna attendere il quinto inning, l’inning dell’illusione. Con un out Monda Mirko batte il suo primo valido da Seniores, gli fa eco Carrà, a seguire la base gratis a Casadei. A basi piene Guidoni alza una volata di sacrificio a destra ed entra un punto, erroraccio del terza base marchigiano (la palla gli passa sotto le gambe) sulla battuta di Rumenos ed entra il punto numero due, ma non è finita. Ancora una base a Mendez, cambio del lanciatore, esce Scarabotti ed entra Gigli che, a freddo, è toccato valido da Ledesma che batte a casa i punti del pareggio, 4 a 4. Al sesto però Cupra riporta Bologna alla realtà e ristabilisce il distacco segnando altri quattro punti, soprattutto a causa degli errori difensivi commessi dai giallo-verdi. La partita scivola così fino alla fine senza sussulti, è anzi Cupra ad andare ancora a punto quattro volte nel suo ultimo attacco. Bucchi ha sostituito Poppi e l’inning si apre con un errore di Ledesma, un doppio di Nunez, un errore di Guidoni ed un doppio di Naveo, la squadra bolognese è già sul pullman. Finirà 12 a 4 per Cupra.

Dopo questa giornata incompleta (il resto delle partite è in programma il 29 giugno) gli Athletics mantengono le la loro posizione di classifica in attesa del doppio appuntamento casalingo del 5 luglio, quanto mai decisivo, con il forte Fano. La Società è sempre e comunque in attesa del colpaccio esterno che, ancora una volta, è rinviato a data da destinarsi.

Articoli consigliati