Gli Athletics si aggiudicano lo scudetto nella categoria Under 16

Gli Athletics di Bologna, sponsorizzati Aghata Confezioni, dopo tanti anni di buio cittadino assoluto, finalmente riportano uno scudetto del baseball giovanile a Bologna. Il successo dei ragazzi Under 16 di via Pirandello vanno così ad affiancare e bissare la splendida vittoria della Fortitudo a livello Senior (nelle Italian Baseball Series, vittoriosa contro San Marino).

Il Campionato Nnazionale Under 16 è una competizione aperta sia a squadre di club che a selezioni, ed adotta i selettivi criteri di impiego della Little League americana. Nel 2008 gli Athletics arrivarono secondi, dietro ai Parma Angels, dopo tre equilibratissime partite di finale. Ad un anno di distanza, la sperata rivincita è arrivata, nella maniera più completa. Infatti, dopo aver superato agevolmente Grosseto in semifinale (10 a 7 e 17 a 3 i punteggi, che non ammettono repliche), i gialloverdi dell’Aghata Confezioni si sono ritrovati non il più importante club di Parma, come avvenne l’anno scorso, ma il Parma Franchigia, ossia la selezione dei migliori talenti della provincia di Parma. Le società di Parma infatti, per partecipare a questi campionati nelle varie categorie giovanili, si sono strutturati in una organizzazione tecnica permanente che gestisce ed allena i loro migliori giocatori.

Contro questa selezione, in una finale al meglio dei tre incontri, gli Athletics hanno vinto la prima gara sabato 12/09 ben più nettamente di quanto dica il punteggio (6 a 3), nonostante un arbitraggio a dir poco avverso ed inquietante. Una gara equilibrata per 5 inning (2 a 2 il parziale), poi il break bolognese con le valide a seguire di Accorsi, Zanini e Baldassarri scavavano un solco, mai più colmato, di quattro punti. Ottima prova di Angelini sul monte di lancio, Baldassarri decisivo in battuta con 3 valide su 4 turni. Dopo questa vittoria in trasferta tutti si aspettavano una sorta di passerella il giorno successivo, ma così non è stato. I parmigiani tiravano fuori il loro orgoglio e grazie anche ad alcuni errori difensivi bolognesi – eccessivamente nervosi – si mantenevano in partita (2 a 2 al 2^ inning, 5 pari al 5^). Al sesto i bolognesi passano avanti per 8 a 5 grazie a quattro valide a seguire (Baldassarri, Cavallari, Venturi, Michelini), la volata di sacrificio di Abbati ed un errore della difesa ospite: tre punti che, come avvenuto il giorno precedente, avrebbero dovuto chiudere la gara. La differenza fisica e tecnica sembrava infatti evidente a favore dei bolognesi, ma non sempre i valori in campo sono sufficienti per vincere. L’ennesimo errore difensivo gialloverde (ben 5 alla fine) costringeva il rilievo Abbati, subentrato ad un ottimo Accorsi, ad un superlavoro sul monte di lancio, ed all’ultima ripresa un lungo doppio all’esterno centro del pinch hitter Benecchi, giovane talento dell’Oltretorrente Parma, portava i parmigiani ad una sola lunghezza di distacco. Ma il pitcher bolognese, stringendo i denti (e forse non solo quelli), costringeva l’ultimo avversario ad una volata al volo all’esterno. Arrivava così la sofferta, spettacolare, vittoria (8 a 7 il risultato finale).

Dopo lo scudetto juniores della Fortitudo del 1996, ben 13 anni dopo, arriva un altro titolo a Bologna, approda in zona Pilastro, a vincerlo è la società degli Athletics, da anni impegnata e concentrata nel tentativo di diffondere questo sport, il baseball, che, nemmeno oggi, con i Mondiali che si giocano in Italia, riesce a far parlare di sé in un qualsiasi telegiornale Nazionale.

Speriamo che questi successi siano di buon auspicio per il baseball del futuro bolognese ed italiano.

Articoli consigliati