Occasione mancata dagli Athletics

Nel preciso istante in cui la capolista Pesaro cede l’intera posta in palio, in casa, al combattivo Castenaso rimettendo in discussione la leadership del girone, la Pranzo Più Athletics cade, in casa, clamorosamente, regalando gara uno allo Junior Matino e rimettendo nel cassetto le proprie ambizioni. Due gare convulse e complicate, anche tatticamente, spesso interrotte dalle intemperanze verbali dei giocatori e dal continuo lamentarsi del Coach caraibico leccese che si è più volte “attaccato” sia con la coppia arbitrale, che, va detto, ha arbitrato più che bene, o con lo staff bolognese. Un metodo, probabilmente già collaudato, che ha innervosito l’andamento delle due partite. Gara uno inizia con un inning scoppiettante, vantaggio del Matino (2 a 0) impattato immediatamente dal doppio di Bondioli. Al terzo Bologna passa in vantaggio grazie ad un errore, ma tra il quarto ed il sesto inning i pugliesi inanellano tre punti, uno ad inning, andando in vantaggio 5 a 3. Sul cambio del pitcher bolognese, scende Roncarati e sale Poppi, si realizza, al settimo, il sorpasso dei padroni di casa che, pur segnando tre punti (doppio di Gamberini e triplo di Bondioli) e con un solo eliminato non riescono a chiudere la partita. Alla fine dell’ottavo inning, inning in cui Matino aveva segnato due punti subito recuperati dal punto battuto a casa da Angiolillo, il parziale è di 7 a 7. Ecco la grande occasione, persa, al nono inning. Poppi, pur lanciando su standard molto inferiori del solito, non subisce danni, per contro la Pranzo Più mette tre uomini sulle basi, un solo eliminato, ma purtroppo la battuta di Calotti, subentrato a Bergami, è la peggiore che si potesse immaginare, batte debole “in bocca” al lanciatore e Matino si salva con un doppio gioco 1-2 2-3. Si va agli extrainning. Matino sfrutta a dovere il bunt di sacrificio (alla fine saranno 6) e mette un corridore in posizione punto. Ci pensa poi Roda, all’interbase, a sbagliare il tiro del terzo out e a far subire il punto della sconfitta, in quanto Bologna non combinerà nulla di buono nel suo ultimo turno d’attacco. Nella confusione generale si salvano in pochi. Una nota particolare va annotata al pitcher leccese, Moronta, a cui hanno fatto tirare tutti e dieci gli inning per un totale di lanci molto vicino ai 200! Roba da pazzi!!!! Gara due è più sonnecchiante, Matino si bea ancora della vittoria mentre Bologna sta ancora pensando a come si è fatto a perdere, ciò nonostante gli Athletics vanno in vantaggio, 3 a 1 fino al quarto inning, con i punti battuti casa da Gamberini, Angiolillo e Bondioli. Al quinto è un doppio di Depau a spingere a casa il punto del 4 a 1, ma lo Junior non demorde e, negli inning successivi, agguanta il pareggio (4 a 4 al 7°), ma finalmente si fa strada un po’ di orgoglio tra il line up felsineo che con Bondioli (ancora lui… 5 su 8) e le battute in extra base di Roda e Calotti segna 4 punti all’ottavo e si aggiudica la partita. Classifica rimpattata, a due partite dalla fine del girone di andata, con Pesaro risucchiata dal gruppo e i Bulldogs di San Marino che si fondano in testa, solitari, ma sui quali pesa la decisione degli organi federali di far ripetere una gara con lo Junior, a Matino, per riconosciuto errore tecnico arbitrale. Prossimo avversaria della Pranzo Più, per l’ultima doppia sfida in trasferta del girone d’andata, sarà la Comcor Modena, si giocherà sabato ore 15,30 e 20,30.

Articoli consigliati