Pari, fortissimamente pari

Il valzer delle occasioni perdute continua nel suo ritmo costante che, nel caso della formazione guidata dal Coach cubano Duarte, si traduce in una serie di iniqui pareggi. Inutili in quanto lasciano immutate le distanze dalle due squadre che guidano il girone C. Scontato, ma non troppo, il doppio successo del Mastiff Arezzo ad Ancona, mentre Crocetta impatta con Pesaro in un doppio incontro che, alla luce dei risultati (3-4 e 4-3), si immagina sia sto un duello scoppiettante. A Fano, invece, la Pranzopiù perde la partita che conta con il “Complete game e Shootout” di Enrico Barbaresi contro Gerbi che gioca comunque una buona partita, per poi vincere di forza la partita in cui Fano ha messo in campo i rincalzi. Non c’è gloria in tutto questo.

GARA 1 – Subito in vantaggio Fano. Due punti che prendono il via con l’errore di Carrà (ricevitore) che spara alle stelle una palla corta, una scelta difesa ed un doppio completano il pasticcio. Partita sterile di valide Bologna non c’è. I battitori cadono come birilli, uno ad uno ed i soli Rumenos e Ledesma riescono a battere inutili valide. Ancora un punto al terzo attacco danese. Partita a senso unico che si trascina con tanti Zero nello score, fino al settimo inning. Dopo aver concesso una base ed un doppio con relativo punto incassato, Gerbi lascia il mound ad Angelii che chiude l’inning, ma è costretto ad incassare il punto numero cinque, definitivo ai fini del risultato. La partita è stata complessivamente sterile di valide (4 per Fano e 6 per Bologna), ma la determinazione dei padroni di casa ha avuto la meglio sulle molli reazioni felsinee.

GARA 2 – Gli Athletics tentennano ed è nulla di fatto, dopo due inning completi, poi si svegliano dal letargo ed impiombano il partente del Fano, al terzo. Con due eliminati vanno a segno Casadei con un drag-bunt, Monda giovane è colpito, seguono 3 valide 3, di Rumenos, Medina e Monda Senior, 3 a 0 Bologna. Pranzopiù che incrementa sui rilievi (alla fine saranno 5 i lanciatori che saliranno sul monte del Fano) segnando ancora 2 punti al quarto ed altrettanti al quinto. Partita praticamente chiusa anche perché il Fano dimostra di essersi giocato tutto nella gara del mattino. C’è spazio per le valide di Del Priore e Guidoni. La partita finisce 10 a 1 per gli Athletics. Lanciatore vincente Poppi con chiusura di Roncarati.

Siamo ad un passo dalla fine dell’Intergirone. L’ultimo impegno sarà casalingo, contro l’Imola. Un Imola che coabita in testa al Girone D, con Fano e Cupra (7 sconfitte a testa) e con Pesaro lì vicino a tre lunghezze. L’impressione è che, in quel girone, nessuno vuole arrivare primo ed avanzano a forza di pareggi sperando in un guizzo degli altri. Vedremo. Nel Girone C invece le cose stanno andando un po’ diversamente. C’è il Mastiff Arezzo (a 5 partite dagli Athletics) che non ne vuol sapere di mollare l’osso e se e quando può porta a casa la posta intera. C’è il Crocetta di Parma (a tre partite) che, anche se a volte inciampa, riesce a mantenere la posizione playoff, poi c’è la Pranzopiù, che comincia a sentire il caldo, e che non sembra avere il carattere e la forza per mettere la freccia ed operare il sorpasso. A seguire l’intrepido Minerbio (vera sorpresa) che già fiata sul collo dei bolognesi. Fuori dai giochi Charlie Brown, che però, di tanto in tanto, ama prendersi delle soddisfazioni, ed a chiudere il Sasso Marconi che “Udite! Udite!” ha vinto la sua prima partita battendo l’Imola in trasferta. Per la “resa dei conti finale” la Pranzopiù andrà prima a Parma poi ospiterà i toscani. Inutile dire che bisognerà fare almeno 3 su 4. Intanto domenica prossima, 10,30 e 15,30 gli orari delle due partite, andrà in scena, in via Pirandello, il derby contro i rosso blu dei Redskins di Imola.

Articoli consigliati