Tonfo casalingo degli Athletics

Se fino ad oggi gli Athletics avevano barcollato sull’orlo del baratro, oggi, dopo le due sconfitte ingloriose con Pesaro, stanno perentoriamente precipitando verso il fondo. Il campionato, dopo i risultati dell’ultimo weekend, si è spezzato in due tronconi netti e distinti. Nel primo gruppo, quello che dà l’accesso ai playoff, i Bulldogs di San Marino sono ancora in testa tallonati ad una lunghezza dal Castenaso che ha lasciato mezza posta in Puglia, e a due incollature il trio Imola, Fano e Pesaro. Nel secondo gruppo, quello della sofferenza la prima squadra che incontriamo sono proprio gli Athletics che, per la prima volta dall’inizio del campionato, vedono il bilancio vittorie sconfitte pesare sul lato negativo. Si fa sotto il Cupra che batte due volte il Modena, Matino vince sul Castenaso una partita molto importante e solo l’Unione Picena non riesce a battere chiodo e resta ultima con solo quattro vittorie all’attivo. Bisogna stare attenti, molto attenti a non farsi inghiottire definitivamente dalle sabbie mobili della bassa classifica. La Pranzopiù, in questo doppio incontro con Pesaro, non è mai esistita, lo dicono le quattro striminzite valide, di cui una ottenuta per la posizione errata di un giocatore avversario, lo dice il fatto che nessuno ha tirato fuori i denti e non valgono le attenuanti dovute alle assenze di Deligia e Roncarati in quanto il problema principale non è costituito dal monte di lancio,anche se è vero che cedere un giocatore come Roncarati ad una squadra in palla come il Pesaro, non ha certo aiutato.
Gara 1: Saletti, per la prima volta in stagione, entra in gara come partente, e paga l’esordio con un parziale a sfavore 0 a 2, al primo inning. Al secondo Pesaro segna un altro punto impattato nel contrattacco bolognese con il punto battuto a casa da Bergami. Saletti chiude bene due inning lasciando ancora aperto il risultato (1 a 3) anche se in attacco gli Athletics appaiono particolarmente sgonfi. Al quinto, con due fuori, una battuta secca su Roda, non trattenuta e poi il rilancio dello stesso quasi nel dog out del Pesaro invece di chiudere l’inning concede l’opportunità al Pesaro di infilare due battute consecutive da extra base e far entrare altri tre punti per il parziale 6 a 1. Pesaro deve solo amministrare il risultato, Iacomuzzi, il partente, e Ottavini, il rilievo, non concedono nulla ai bolognesi e Pesaro segna ancora un punto al settimo e due all’otavo, su Angiolillo che ha preso il posto di Saletti. Finale 9 a 1 per gli adriatici.
Gara 2: è successo a San Marino, domenica scorsa, perché non sperare in un exploit anche con Pesaro? Coach Spisni rimescola ancora le carte e ripropone la batteria Gerbi-Carrà che tanto bene aveva fatto sul monte Titano, ma questa volta non è giornata. Gli Athletics vanno acquisiscono l’effimero vantaggio, 1 a 0 dopo due inning completi, sul partente marchigiano che non fa battere ma regala molte basi gratis senza però andare in difficoltà. Al terzo Pesaro fa la voce grossa e uccide la partita. Due pick off sbagliati di Gerbi, un errore di Gamberini all’interbase e, a seguire, un profondo triplo a destra, e, in un solo inning Pesaro segna 6 punti! Gli Athletics non reagiscono ed anzi pare si arrendano prima del Gong. L’unica battuta valida dei padroni di casa è messa a segno da Gamberini, al terzo inning. Pesaro va sul velluto e passa ancora sul rilievo Poppi e segna quattro punti al quinto e due al settimo per il definitivo ed umiliante 12 a 1 finale. Pessima battuta d’arresto per gli Athletics non tanto per le sconfitte bensì per come sono maturate e soprattutto per la mancanza totale di reazione, e domenica la Pranzopiù se la vedrà con i Redskins di Imola che, avendo perso il doppio confronto con la capo classifica, sarà particolarmente motivata. Gli Athletics dovranno attendere l’esito dei confronti diretti che, per uno scherzo del destino, sono in programma nelle ultime quattro giornate di campionato. A fine luglio trasferta a Cupra Marittima, poi, dopo la sosta agostana, Unione Picena in casa, trasferta in Puglia a Matino e chiusura casalinga con Modena. FORZA RAGAZZI !!! ad iniziare da domenica 15 luglio, ad Imola, doppio incontro ore 10,30 e 15,30.

Articoli consigliati