Spisni ritrova squadra e morale

Spisni, a fine gara, ha un sorriso grande come un diamante di gioco! Gli Athletics hanno appena conquistato la vittoria che serviva! In un momento alquanto difficile la Pranzopiù affronta il forte Rovigo e riesce a vincere una partita, la seconda, con concentrazione e volontà. Coach Spisni, ad una settimana dalla debacle di Castelfranco Veneto, ritrova subito squadra e morale. Il merito di questo successo va egualmente condiviso su tutte alle forze distribuite in campo nelle due partite. In gara uno, un formidabile Enrico Crepaldi, non ha lasciato scampo agli Athletics, solo 4 valide concesse alle mazze bolognesi e ben 12 eliminazioni al piatto per uno shot-out (partita completa senza subire punti n.d.r.) strameritato, ma Poppi, sul versante bolognese non gli è stato da meno, con sei strikeout ed una partita diligente, senza sbavature. In questa prima partita la difesa ha balbettato un po’, ma la superiorità del Rovigo è stata inequivocabile. Avanti già 7 a 0 al quarto inning, che sarà poi il risultato finale, il Rovigo ha fatto cassa grazie a quattro errori difensivi dei bolognesi. Oltre a Poppi, per Bologna bene Ledesma (2 su 4) schierato a sorpresa battitore designato ed il closer Tavolazzi che si è preso il lusso di non far toccare il cuscino di prima ai tre avversari affrontati. Cambia la musica, in gara due, con un eccellente Roncarati che tiene per tutti e nove gli inning (k 9, bvc, 6, pgl 2) ed un line up (13 valide!) che scardina la roccaforte rodigina. Vantaggio Rovigo al secondo inning (1 a 0), ma non c’è tempo, bisogna recuperare in fretta ed al terzo la Pranzopiù imbrocca la strada giusta: triplo di Casadei che manda a punto Carrà, poi un singolo di Ledesma ed un lancio pazzo del giovane Rondina (partente per Rovigo), portano a tre i punti per gli Athletics. I giallo verdi non si accontentano e nell’inning successivo segnano ancora due punti, singoli di Casadei e Rumenos. Rondina lascia il monte per Roccabianca. Al quinto Rovigo segna due punti, doppio di Maiella e sucessivo errore di Casadei, ma anche gli Athletics mettono un punto nel loro score (6 a 3). Sesto inning anonimo, poi al settimo, gli Athletics, costringono alla resa Roccabianca che viene rilevato dal giovanissimo Crepaldi Filippo che non viene adeguatamente protetto dalla sua difesa, quattro punti pesanti per i bolognesi, in questo inning, con Rumenos, finalmente tornato in piena forma, Trentini, Roda e Guidoni sugli scudi. Rovigo accusa il colpo ma riesce ugualmente a segnare un punto, all’ottavo, con un doppio di Schibuola. Nel contrattacco, i bolognesi decidono di farla finita, aprono l’inning a spron battuto con valide di Rumenos (3 su 4), Ledesma, doppio di Trentini e perentorio triplone a destra di Deligia. Tocca all’encomiabile Roda battere la palla che, passando sotto al guanto dell’interbase, manda a casa Deligia per il punto della manifesta superiorità, 14 a 4. Il folto pubblico che riempie la tribunetta di via Pirandello esplode in un grido liberatorio, in campo è delirio totale! Ci sono applausi per tutti, anche per gli avversari. Gli Athletics hanno ottenuto una grande vittoria. Una vittoria che fa morale. I ragazzi hanno giocato bene e senza timori reverenziali ed è così che dovranno affrontare le prossime sfide con Verona (in casa) e Buttrio (in Friuli) credendo fortemente nelle proprie possibilità e senza mai darsi per vinti. In classifica, intanto, gli Athletics rosicchiano un punto e si avvicinano alle due compagini di Parma, Crocetta ed Oltrettorrente, entrambe sconfitte in questo weekend, mentre il San Lorenzo Isontino si allontana dalla zona calda battendo due volte il Ponte di Piave. Appuntamento a tutti gli appassionati a domenica prossima, 13 luglio, ancora in casa, gli Athletics affronteranno un’altra “prima della classe”, il Verona di Daniel Newman.

Articoli consigliati