Winter League U12: E disgelo fu!!

Domenica 10 febbraio abbiamo avuto l’ultimo appuntamento della fase a gironi della Winter League U12 nel palazzetto della Record a Bologna, prima delle finali.

Gli Athletics hanno incontrato la Fortitudo Bologna per guadagnare punti utili al raggiungimento di una posizione di classifica idonea a disputare le finali.

I ragazzi di entrambe le formazioni ne sembravano consapevoli e hanno dato vita ad una bellissima partita il cui pareggio sembrava ormai raggiunto, decisa da un episodio, positivo per i colori giallo-verdi.

Certamente la performance di tutti i ragazzi in campo hanno onorato il meraviglioso gioco del baseball e tenuto in godevole suspence il pubblico numerosissimo presente in tribuna.

Un’ottima prova è pervenuta dai lanciatori partenti, Carolingi per i pilastrini e Gamberini per i fortitudini. Nel dugout e in campo erano presenti tra allenatori e giocatori tre generazioni della famiglia Gamberini che tanto ha dato al baseball bolognese, regionale e nazionale.

Il sorteggio effettuato in sede di redazione del calendario ufficiale, decretava che gli Athletics avrebbero giocato fuori casa e quindi hanno iniziato in attacco.

1° inning: lanciatore partente Gamberini nr. 99, subito 3 strike outs sui primi 5 battitori affrontati, per subire zero punti.

In difesa gli Athletics iniziano con Carolingi sul monte di lancio che mette a segno immediatamente 2 strike outs, subisce due valide ininfluenti e pone fine all’inning con il terzo K.

Qui non si scherza!!!

2° inning: Gamberini riesce a migliorare quanto fatto in precedenza e perfeziona tre strike outs su 4 giocatori avversari.

Carolingi risponde per le rime con altrettanti K accusando un battitore in più.

Il regolamento imposto dal Comitato Organizzatore prevede che un lanciatore possa esprimersi solo per 2 inning, quindi spazio ai rilievi, di entrambe le parti.

3° inning: di fronte al rilievo della “F” Baccolini nr. 5, i ragazzini giallo verdi hanno probabilmente avuto più intraprendenza. Primo in battuta Brunelli che esplode una poderosa rimbalzante che lo porta in terza base. Contri subisce una bellissima eliminazione al volo dall’esterno destro Daloia. Chapeau!!

Carolingi con mestiere raccoglie l’invito a recarsi in prima base con 4 balls, ricordo che per regola, al fine di velocizzarne i tempi per offrire il massimo di opportunità a ciascun ragazzo in solo un’ora di tempo, ogni conto al piatto inizia già per default con uno strike e un ball.

Suarez, 4° in ordine di battuta, impatta molto bene la pallina concretizzando un prodigioso doppio che spinge in terza base Carolingi e a casa base Brunelli.

Uno a zero, il ghiaccio si è rotto!!!

Flavio si immola per la propria squadra operando una battuta di sacrificio nel campo di azione della prima base, consentendo a Carolingi di segnare il secondo punto e a Suarez di raggiungere la terza base. Durante la presenza di Greco nel box di battuta, Suarez sfrutta un lancio pazzo e si proietta sul piatto di casa per il massimo bottino possibile, tre punti.

Ora è il disgelo assoluto, i nostri ragazzi sembra aver percepito che questa ripresa può portare a disputare il proseguo della partita con più serenità, ma non troppo perché gli avversari sono di assoluto rispetto e meritano la massima concentrazione al fine di ridurre i possibili errori.

In difesa a lanciare ora Marincolo che inizia col piglio giusto; subito un K su Borghi, un pop (palla a campanile) presa al volo da Alex di Gamberini. Poi due basi su balls e un altro pop preso da Alex.

Riusciamo a tenere la Fortitudo a zero punti. La tensione sale in modo positivo, senza creare ansia.

Quarto e ultimo inning per ragione di tempo, peccato, la partita è veramente gradevole.

A lanciare continua Baccolini, lanciatore altrettanto temibile come il proprio partente, infatti elimina subito Cagnolati e Volpones Camillo (appena entrati) con due strike outs; cede la prima base a Volpones Achille (anch’egli appena entrato) con 4 balls e si agevola dell’ultimo out di Cornacchione, la cui rimbalzante veniva agguantata dal seconda base, in maglia blu, Di Pietro che assisteva inesorabilmente in prima base Gamberini.

Zero punti entrati. Ultima frazione di inning con la Fortitudo in attacco.

Flavio forse un po’ stanco, con qualche lancio fuori obiettivo consente la segnatura di due punti a Daloia e Le donne.

La terza base sul balls gli costa l’avvicendamento con Suarez, alla sua prima apparizione sul monte di lancio, il quale perfeziona un propizio strike out su Borghi per il secondo eliminato.

Ora in battuta sale Gamberini che oltre ad essere un ottimo lanciatore è anche un’ottima mazza.

Infatti non tradisce le aspettative e sfodera una potente battuta sull’esterno centro Volpones Achille. Moronta in seconda base e Gamberini stesso cominciano a corre, ogni passo è un respiro del pubblico, sia giallo verde che spera in una eliminazione, sia bianco blu che spera nel punto del pareggio.

Mentre Gamberini raggiunge la seconda base e Moronta la terza, Achille su invito della propria panchina tutta, fionda la pallina appena raccolta verso la seconda base Alex. Il primo corridore girata la terza boa, si proietta a velocità siderale verso la meta. Alex si volge repentinamente e scaglia il dardo verso il ricevitore Carolingi, già in piedi con il guanto proteso per ricevere quell’agognata decisiva assistenza.

Un poderoso stock, causato dall’impatto della piccola sfera nella robusta sacca del catcher riecheggia sinistramente all’interno del palazzetto. In un clima surreale Carolingi protende l’avambraccio verso Moronta che pesta il cuscino di casa base.

L’incalzare dei secondi e il palpitìo dei battiti cardiaci si fermano, Il pubblico si alza in piedi e unanime scruta ogni impercettibile gesto dell’arbitro capo che dopo qualche decimo di secondo sentenza l’out a favore degli Athletics.

Risultato finale 3 a 2 per loro e fine di una partita decisa solo all’ultimo istante da un episodio che poteva volgere a favore di una contrada o dell’altra.

Bravissimi ragazzi, tutti; ci avete regalato tante emozioni.

Il susseguirsi degli altri incontri determinerà la classifica finale, per effetto della quale, lo Junior Rimini conquistava imbattuto il primo posto, aggiudicandosi il diritto di disputare la seconda semifinale proprio con la Fortitudo giunta quarta. Il San Lazzaro grazie alla vittoria odierna con il Ravenna, raggiungeva il terzo podio e si confronterà nella prima semifinale con gli Athletics terminati al terzo posto. A completamento della stessa abbiamo in successione Ravenna, Dustbins e Pianoro.

Accorriamo tutti il 24 febbraio per sostenere i nostri ragazzi alle finali provinciali U12 presso il palazzetto della Record di Bologna.

Sempre forza A’s!!!

Athletics = 0 + 0 + 3 + 0 = 3                     Fortitudo = 0 + 0 + 0 + 2 = 2

Articoli consigliati